Massaggio Ayurvedico: concetti e procedure di base

Massaggio ayurvedicoSi parla molto di massaggio Ayurvedico, ma non tutti sanno realmente di cosa si tratta. Per questo abbiamo deciso di affrontare ed approfondire l’argomento: adesso non ci saranno più dubbi, ma solamente tante certezze.

Iniziamo con il dire che si tratta di un massaggio che ha davvero tantissimi anni e che, con il tempo, non ha smesso di evolversi e migliorarsi sempre più, al fine di apportare maggiori benefici al paziente. Diciamo anche che, come tutti i trattamenti basati sul massaggio, ha la potenzialità di rilassare i muscoli ed eliminare gran parte dello stress che accumuliamo tutti i giorni per vari motivi. Tuttavia questo non è lo scopo esatto per cui è stato ideato questo insieme di tecniche e manovre. Le ragioni dell’ideazione sono molto più profonde e molto più efficaci anche a livello della salute fisica e psicologica del nostro organismo.

Ad ogni modo, l’idea principale e lo scopo del massaggio ayurvedico, proprio come tutti gli altri protocolli di trattamento similari, sono stati percepiti per aiutare il corpo durante l’eliminazione delle tossine. Questo è un procedimento naturale che spesso va a rilento o si blocca creando disfunzioni e/o problematiche diverse tra loro. Per raggiungere questo scopo, il massaggio ayurvedico è un procedimento complesso ed abbastanza lungo (ma non troppo), basato su delle particolari manualità, tecniche e varie fasi tutte ugualmente importanti.

Perché puntare proprio sulle tossine? Parlare di questo può chiarirci il motivo della nascita di questa particolare filosofia e disciplina. Le tossine sono praticamente avanzi provenienti dal cibo che hanno preso una forma simile a quella del grasso. Ci sono organi e zone più ostinate del corpo che tendono a mantenere le tossine creando inestetismi, come ad esempio la cellulite o anche altri disagi. Così si incorporano all’organismo, rendendo difficile la loro rimozione, che a quel punto richiede tempo e fatica.

Il massaggio ayurvedico aiuta il corpo in questo processo di eliminazione con l’aiuto di protocolli di trattamento connessi che possono includere anche: una dieta corretta, ulteriori massaggi, formule di erbe appositamente composte per la funzione specifica, pratiche di yoga come terapia aggiuntiva, ed una corretta gestione dello stile di vita in base alla propria costituzione.

Massaggio Ayurvedico: quali olii vengono utilizzati?

Olio Massaggio AyurvedicoNel massaggio ayurvedico, vengono usati degli olii speciali, spesso riscaldati, e delle determinate manovre decise e localizzate. Si tratta di un’esperienza intensa, dinamica ed espansiva, che volendo comprende anche l’utilizzo del vapore per permettere al professionista di raggiungere lo scopo  del massaggio con una maggiore facilità.

Un trattamento di questo tipo solitamente avviene in questo modo:

  1. Il professionista prepara l’atmosfera e l’olio che decide di usare che, solitamente, viene riscaldato e poi applicato al corpo. Questo olio caldo consentirà un migliore assorbimento nella pelle, consentendo in tal modo al sangue di portare l’olio e le erbe in tutto il corpo per effettuare la disintossicazione dalle tossine. I tratti e la tecnica del massaggio ayurvedico generano calore e aiutano anche nel processo di assorbimento.
  2. I clienti saranno sottoposti ad almeno una completa ora di massaggio con l’olio. Generalmente, durante tutto il massaggio, è importante non parlare. Solitamente il terapeuta incaricato non dialoga con il cliente e non mette un sottofondo musicale. Questo comportamento permette di sperimentare appieno gli effetti, anche più sottili, del massaggio ayurvedico. Sarà però fondamentale anche non addormentarsi, ma mantenersi focalizzati su ciò che sta avvenendo.
  3. Il terapeuta potrebbe anche  applicare una pasta o scrub alle erbe riscaldato  sul corpo per completare così il processo. Poi lascerà asciugare il prodotto che verrà assorbito e lavorerà come purificatore del sangue. In seguito riprenderà con il massaggio.
  4. Ci sarà probabilmente il momento del vapore, che verrà utilizzato sul corpo per un periodo di circa 10-20 minuti. Il terapeuta, durante questa fase del massaggio ayurvedico, potrà mettere un piccolo asciugamano attorno al collo del cliente per aiutare a prevenire la fuoriuscita del vapore e anche per fermare l’olio. Il professionista terrà tutto costantemente sotto controllo, fino a liberare il paziente dal vapore. In seguito, attenderà un minuto o due per permettere al corpo di raffreddarsi.

Cosa fare prima di un Massaggio Ayurvedico?

Prima del massaggio ayurvedico e ovviamente prima di uscire di casa, gli esperti consigliano di fare una doccia calda e indossare abiti caldi per mantenere il calore (ove e quando possibile). Ciò è necessario prima di iniziare il trattamento, per favorire ancor più l’eliminazione delle tossine che si cercherà di rompere e rimuovere:  il calore della doccia aiuta ad ammorbidire e allentare queste sostanze, in preparazione per il massaggio reale.

Cosa fare dopo un Massaggio Ayurvedico?

Dopo il massaggio ayurvedico, invece, gli esperti del settore suggeriscono al paziente di riposare un minimo di 2-3 ore, ovviamente se ne ha la possibilità. Questo perché potrebbe sentirsi molto assonnato, spossato e rallentato.

massaggio ayurvedicoQuesto comunque non è detto, perché alcune persone reagiscono in maniera opposta a questa: dopo un massaggio ayurvedico si sentono anche fin troppo energici! Ad ogni modo, se si deve andare a lavorare, è opportuno cercare di aspettare almeno fino a dopo pranzo ed evitare poi attività faticose o stressanti. Inoltre è consigliabile mangiare poco e stare tranquilli. Per il giorno successivo non ci saranno accorgimenti specifici da seguire.

Il massaggio ayurvedico è quindi un toccasana per l’organismo ed aiuterà ogni paziente a ritrovare il desiderato benessere generale, nonché migliorare profondamente la propria salute. È consigliato anche per le donne che soffrono nel combattere gli inestetismi della cellulite, ma anche per gli uomini che desiderano un aiuto per perdere peso.

Ovviamente queste non sono le uniche ragioni per sottoporsi o imparare ad effettuare questo tipo di massaggio. Infatti si tratta di un trattamento distensivo e rilassante, molto particolare e sempre più ricercato e suggerito. Il consiglio è di provarlo almeno una volta nella vita, probabilmente non si vorrà più tornare indietro e si vorrà farlo diventare un’abitudine.

Tuttavia, è sempre importante, prima di un massaggio ayurvedico, comunicare al professionista (o chiedere al paziente) se ha dei disturbi o problemi fisici cronici. Inoltre sarà anche opportuno sapere se recentemente si ha subito un qualche tipo di intervento. Questo aiuterà il terapeuta ad impostare il trattamento, l’intensità ed altre eventuali opzioni o manualità.

Ti potrebbero anche interessare:

Taggato con: , , , ,
Pubblicato in Massaggio Ayurvedico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accedi adesso ai primi video dimostrativi!

Rispetto la tua privacy e il tuo nome non sarà mai ceduto a terze parti ! Se riceverai delle email di aggiornamento conterranno sempre un link da cui potrai cancellarti con un semplice click !

Informativa sulla Privacy

Tipi Di Massaggio

Scopri i tipi di massaggio che puoi imparare.

Facebook