8 dubbi imbarazzanti sui massaggi

domande e dubbi massaggioMolti si pongono una serie di domande e hanno dei dubbi sul massaggio. Si tratta spesso di cose che molti non hanno mai osato chiedere. Scopriamo insieme quali sono i quesiti maggiori e comuni riguardo a questa arte.

È importante affrontare alcuni argomenti, sia per chi si sottopone ai massaggi che per chi è un massaggiatore.

Per i primi, queste risposte potrebbero creare sollievo ed evitare imbarazzo, aumentando comunque la consapevolezza riguardo al massaggio. Per i terapisti, invece, è utile conoscere queste domande al fine di poter dare delle spiegazioni che tranquillizzino il cliente, senza che esso debba effettivamente fare domande. In quest’ultimo caso, questo articolo potrà anche aiutare il massaggiatore a sviluppare la sua empatia, che è una caratteristica molto importante per chi fa questo mestiere.

Quindi quali sono i dubbi e le domande imbarazzanti che si trovano a girovagare nella mente di chi si sottopone ad un massaggio?

1) Dovrei dare la mancia al massaggiatore?

Magari in Italia non ce lo chiediamo perché non è un qualcosa che fa costantemente parte della nostra cultura ma, per quanto riguarda gli altri luoghi del mondo, potrebbe anche essere importante. In questi casi, se si ottiene un massaggio in un centro benessere o in un  hotel, una mancia del 15% al 20% del costo è uno standard, ovviamente quando si rimane soddisfatti dei servizi.

Tuttavia, alcuni massaggiatori e le associazioni di massaggio in un ambiente medico o clinico, pensano che non sia appropriato. Quindi non dipende solamente dall’ubicazione nel mondo, ma anche dal luogo e dalla tipologia di massaggio che si riceve. In ogni caso, mancia o non mancia, può sempre essere opportuno mostrare il proprio apprezzamento nei confronti del massaggiatore.

2) Dovrei togliere la biancheria intima?

Questo è un altro dubbio/domanda imbarazzante che molti si pongono. In questo caso sarebbe opportuno che ogni massaggiatore risponda anticipatamente a questo quesito spiegando al paziente cosa deve fare esattamente.

Tuttavia, spesso la scelta è fatta in base alla zona da massaggiare e, ad ogni modo, il terapista dovrebbe fornire una biancheria intima usa e getta. Se le aree problematiche sono la parte bassa della schiena, fianchi, glutei, o inguine, probabilmente sarà così.

3) Devo parlare durante il massaggio?

Anche se alcune persone preferiscono parlare durante tutto il massaggio, non tutti fanno conversazione con il massaggiatore, e  solitamente è il terapista a iniziare una conversazione se necessaria. Ad ogni modo sarebbe meglio ridurre al minimo l’interazione, al fine di rilassarsi e ricevere il massimo dei benefici.

Ci sono però alcuni trattamenti, come il massaggio profondo del tessuto e il massaggio sportivo, che comportano anche un’interazione che richiede più risposte dal paziente. Questo perché il massaggiatore lavora spesso sugli strati più profondi del muscolo e vorrà far sì che la pressione non crei né disagio né dolore. Nel resto dei casi, sarà sicuramente opportuno parlare se:

  • La stanza è troppo calda o troppo fredda
  • L’esperienza sta provocando del dolore
  • Si hanno domande o dubbi relativi al massaggio
  • C’è qualche cosa ti sei dimenticato di citare nel corso della consultazione prima del trattamento.

4) Che cosa succede se ho un’erezione?

Alcuni uomini evitano la terapia di massaggio perché temono che otterranno l’erezione, o che non saranno in grado di rilassarsi durante il trattamento a causa di questa paura. Ma non c’è motivo di essere imbarazzati! Può capitare che gli uomini abbiano un’erezione durante un atto non-sessuale, come ad esempio un massaggio terapeutico.

Questo accade perché il tocco delicato somministrato a qualsiasi zona del corpo può attivare il sistema nervoso parasimpatico e provocare un’erezione parziale o completa. Il/la terapista capisce questo e generalmente ignora questi avvenimenti.

5) Come faccio a sapere se si tratta di una clinica seria?

Questo è un dubbio che hanno in molti, ma tuttavia non è difficile capirlo. Si potrebbe pensare che i centri massaggi che offrono un massaggio sensuale o erotico possano sembrare squallidi, e ovviamente, può anche essere difficile, a volte, individuare ed evitare questi luoghi. Ad ogni modo è sempre opportuno fare queste domande al momento della prenotazione:

  • Offrite massaggio terapeutico?
  • Avete bisogno di un questionario sulla salute dei vostri clienti?

Ad ogni modo, un massaggiatore professionista non entrerà in contatto con i genitali o con le parti più intime durante il massaggio.

6) Cosa bisogna fare se si pensa che la pressione del massaggio non sia abbastanza profonda?

Spesso le persone hanno questi dubbi, ma trovano molto imbarazzante o offensivo il fatto di dirlo al terapista. Tuttavia è importante comunicare apertamente con il massaggiatore, che potrà intensificare la pressione o spiegare perché non lo può fare.

Ad ogni modo, è sempre opportuno ricordare che alcuni dei tipi più efficaci di terapia di massaggio sono dolci e non comportano una pressione profonda o non ne hanno bisogno. Infatti, in alcuni casi, troppa pressione può causare danni ai muscoli.

7) Cosa si può fare in caso non si voglia mostrare una determinata parte del corpo?

La gente è consapevole di sé per vari motivi. Alcuni dei problemi più comuni sono:

  • Sovrappeso
  • Eccessiva crescita di peli sul corpo.
  • Acne sulla schiena.
  • Piedi “brutti”.
  • Cicatrici

Essere consapevoli di sé non dovrebbe mai trattenere una persona dal cercare l’assistenza sanitaria, che si tratti di visitare un medico o di vedere un massaggiatore. Perciò, chi è consapevole di una certa parte del suo corpo di cui si vergogna, può certamente chiedere al massaggiatore di evitare quella zona.

In alternativa, si può optare per una terapia che possa essere fatta attraverso i vestiti, come ad esempio lo shiatsu o il massaggio tailandese. Questo perché non vengono sempre utilizzati oli da massaggio, quindi si può anche rimanere completamente vestiti durante la sessione.

È anche possibile portare i propri abiti comodi da indossare. Basta ricordarsi di fornire delle informazioni complete e accurate sulla proprio salute, in modo che il professionista sia a conoscenza di precauzioni da prendere o di eventuali controindicazioni.

8) Si dovrebbe chiedere un terapista donna oppure un uomo?

Alcuni uomini non si sentono a proprio agio a farsi massaggiare da un uomo. Lo stesso può capitare per una donna. Questo non vale solo per la terapia di massaggio. Infatti, lUniversità del Michigan, attraverso uno studio ha evinto che il 43% delle donne preferisce un medico di sesso femminile. Purtroppo, gli uomini che scelgono di diventare massaggiatori sono spesso impreparati a questo.

Tuttavia, è opportuno informarsi e fare la propria richiesta al momento della prenotazione, senza pensare che si tratti di una domanda imbarazzante.

 

Questi erano i dubbi più comuni. In base a questa lista, ogni massaggiatore potrà essere più preparato ed empatico, e ogni paziente potrà sicuramente essere più tranquillo.

Ti potrebbero anche interessare:

Taggato con: ,
Pubblicato in Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accedi adesso ai primi video dimostrativi!

Rispetto la tua privacy e il tuo nome non sarà mai ceduto a terze parti ! Se riceverai delle email di aggiornamento conterranno sempre un link da cui potrai cancellarti con un semplice click !

Informativa sulla Privacy

Tipi Di Massaggio

Scopri i tipi di massaggio che puoi imparare.

Facebook